Proprietà dell'olio di semi di albicocca


Probabilmente non tutti conoscono l'olio di semi d'albicocca. Quello che sicuramente tutti sanno, è
quanto sia delizioso il frutto di questa pianta, appartenente alla famiglia delle Rosacee. Furono i Romani
per primi a favorirne la diffusione, conquistati dalla dolcezza della sua polpa. L'albicocca, infatti, è un
frutto originario della Cina, giunto sino all'Europa tramite le fitte reti di commerci che lo condussero
fino all'Armenia.
Il suo successo è sopravvissuto ai millenni. Oggi consumiamo abitualmente albicocche, impiegate in
svariati modi nell'industria alimentare, dalla preparazione di marmellate ai succhi e confetture.

In fin dei conti in quanti non hanno mai assaggiato una crostata di marmellata alle albicocche?
Quello che forse non tutti conoscono sono le segrete proprietà celate all'interno del grosso nocciolo, dalla
cui spremitura si ricava un olio utilizzato sia in ambito cosmetico che culinario.
Di seguito analizzeremo gli usi e i benefici dell'olio di semi di albicocca.


I segreti dell'olio di semi di albicocca.


Il consumo dell'albicocca, il cui nome scientifico è Prunus Armeniaca, è prevalentemente estivo. Il
principale produttore a livello mondiale è la Turchia, anche se altri paesi, tra cui l'Italia, si sono
dedicati a questa coltura.
Da alcuni anni i semi di questo frutto hanno destato grande interesse. Al loro interno, infatti, sono
contenute delle piccole mandorle, le armelline, il cui sapore è amarognolo, dotate di proprietà veramente
interessanti.
Una delle più sensazionali, tuttora al centro di dibattiti, vedrebbe nel consumo dei noccioli di albicocca un
efficace rimedio antitumorale. La suggestione è stata giustificata dallo studio di alcuni gruppi etnici
Pakistani, grandi consumatori di armelline. Presso queste popolazioni sarebbe stata riscontrata l'assenza
dei tumori che affliggono il mondo occidentale.
Dall'analisi delle armelline, infatti, è emersa la presenza della vitamina B17, che aggredisce le cellule
tumorali.
Quelli che, invece, paiono innegabili sono tutti i benefici legati all'olio di semi di albicocca, ottenuto
tramite la spremitura a freddo dei noccioli. Quello che si ricava è un olio di colore giallo tenue,
utilizzabile sia in ambito cosmetico che alimentare.


Gli utilizzi cosmetici dell'olio di semi di albicocca.


I noccioli delle albicocche contengono alte concentrazioni di vitamine A e E. Entrambe concorrono a
conferire elasticità e bellezza alla pelle. Da non sottovalutare anche l'azione degli acidi essenziali grassi,
ossia l'acido oleico e l'acido linoleico, sommati ai fitosteroli.
Tutti questi principi attivi cooperano nel rendere quest'olio estremamente nutriente, oltre che idratante e
protettivo. Queste tre funzioni sono fondamentali nella lotta al rilassamento cutaneo e alle smagliature.
L'azione emolliente è addirittura molto efficace nell'alleviare la pesantezza delle rughe.
La costante applicazione cutanea rende la pelle più morbida al tatto e visibilmente più luminosa.
Vediamo più da vicino gli effetti sulle principali parti del corpo.

 

Olio di albicocca


L'olio di semi di albicocca sul viso...


Applicato al viso, l'olio di semi di albicocca svolge un potente azione anti-infiammatoria, perfetta per
alleviare gli effetti deterioranti dati dall'accumulo di stress visibili, ad esempio, nella regione del contorno
occhi, dove la pelle tende ad affaticarsi o ad irritarsi.
L'olio di semi d'albicocca è anche strepitoso come struccante. Agisce molto delicatamente e rimuove
tutte le tipologie di make-up, anche i prodotti resistenti all'acqua.
Viene consigliato spesso anche per la sua azione protettiva, specie nei casi di fragilità capillare e
couperose: la pelle sarà maggiormente difesa dall'azione degli agenti atmosferici (freddo, vento, sole).


E sul corpo...


Come detto, l'olio di semi di albicocca è emolliente e nutriente, perfetto per la lotta alle smagliature.
Applicato dopo la doccia, evita problemi di desquamazione e inaridimento, tipici delle pelli secche e

fragili. Non è un olio untuoso e viene assorbito rapidamente: generalmente è sconsigliato ai soggetti con
pelle acneica, essendo comedogenico.
Indiscusse sono le sue proprietà lenitive, che lo rendono un valido veicolo per oli essenziali.


..e sui capelli.


Davvero sorprendente è l'azione rinvigorente dell'olio di semi di albicocca, quando applicato ai capelli.
Spalmato come impacco o maschera prima dello shampoo, basterà lasciarlo agire per 20-30 minuti
affinchè possa donare nuova vita ai capelli sfibrati, che riscopriranno lucidità e morbidezza e un valido
contrasto alla caduta.


L'olio di semi di albicocca a tavola.


In cucina l'olio di semi di albicocca è utilizzato principalmente a crudo. Vanta tutti i principali benefici
degli altri oli vegetali, essendo ricco di antiossidanti, acidi insaturi e vitamina E. Riduce il colesterolo e
favorisce il corretto funzionamento del sistema cardio-vascolare.
É ottimo nell'insalata e sul pesce crudo e molluschi.


Un olio sano da conservare con attenzione.


L'olio di semi di albicocca è un prodotto estremamente sensibile alla luce e al calore: tende ad irrancidire
molto rapidamente. Il consiglio migliore è quello di ricavarlo attraverso la spremitura a freddo grazie a
mini frantoi da casa come il nostro Frantoil. In questo modo potrai avere sempre il tuo olio appena fatto e
con tutti i suoi elementi bio disponibili. Con Frantoil puoi produrre in casa oli vegetali integri, biologici,
sani e profumati.