Il lino è un prezioso alleato per la tua dieta alimentare e puoi assumerlo sotto varie forme: come seme, olio o addirittura come germoglio.
La soluzione maggiormente diffusa e consigliata, è quella di estrarre l’olio dai semi di lino, meglio ancora se preparato in casa, consumato crudo e appena estratto. Si tratta infatti di un olio facilmente soggetto ad ossidazione e che necessita dunque di una rapida consumazione.

 

semi-di-lino-non-solo-olio-vegetale

Cosa consigliano i nutrizionisti? Di assumerne una dose di circa 1 o 2 cucchiaini al giorno, fornendo così all’organismo un prezioso alleato per
- Contrastare il colesterolo;
- Prevenire problemi cardiaci;
- Fortificare i capelli.

 

Non solo olio però …

Non tutti sanno che anche i germogli di lino possono essere inseriti nell’alimentazione quotidiana e forniscono all’organismo omega 3, fibra ed enzimi propri del seme vivo. I benefici derivanti dall’assunzione dei semi di lino germogliati sono dunque superiori rispetto a quelli derivanti dall’olio: i germogli infatti apportano benefici al sistema digerente e aiutano a combattere problemi di stipsi.


Perché inserire i semi oleosi nella dieta?

Spesso questi semi vengono sottovalutati, ma sono davvero ricchi di sostanze nutritive importanti quali le fibre vegetali, le proteine e gli acidi grassi essenziali che contribuiscono a prevenire eventuali disturbi alimentari e a migliorare lo stato di salute del nostro organismo.

Quali sono, in generale, i benefici derivanti dall’assunzione di semi oleosi?
- Apporto di Omega 3 ed Omega 6, acidi grassi insaturi che contribuiscono ad alzare i livelli di “colesterolo buono” abbassando quelli di “colesterolo cattivo”;
- Aiutano a prevenire patologie cardiovascolari in quanto apportano benefici al sistema nervoso e alle strutture cutanee;
- Sono fonte di Vitamina E e vitamine del gruppo B;
- Sono fonte di ferro e magnesio;
- Migliorano il benessere intestinale grazie all’elevato contenuto di proteine vegetali e fibre.

Molte persone hanno ormai scelto di introdurre germogli e oli vegetali nella propria dieta alimentare e, per facilitarne il reperimento, hanno optato per dispositivi ad uso domestico quali Frantoil e Germoglio che ne permettono la produzione “homemade”.