Se osserviamo la struttura e l’organizzazione delle piante ci meravigliamo di come esse riescano con la massima efficienza e semplicità a rifornire ogni loro parte di acqua e sostanze nutritive. Se paragoniamo questa struttura a quelle create dall’uomo, come ad esempio una città, ci rendiamo conto che nella pianta tutti i trasporti avvengono all’interno: dalla radice fino alla più piccola fogliolina, le sostanze indispensabili alla vita vengono trasportate fino al luogo di utilizzo da una serie di canali, dai più grandi ai più finemente ramificati, in modo da garantire il nutrimento alle cellule dell’intero organismo.
Basta osservare una foglia o un albero.

 

Funzione ordine bellezza salute natura

 

La natura, quindi costruisce la propria struttura sulla base della funzione necessaria, creando un ordine grazie al quale la linfa vitale può scorrere; nulla viene bloccato o va perduto. In questo modo la pianta è in grado di sviluppare in modo efficiente tutti i processi fisici, dalla crescita alla fioritura alla fruttificazione, raggiungendo così uno stato di salute ottimale che le permette di contrastare le aggressioni. Noi uomini percepiamo quest’ordine come bellezza. La bellezza nel mondo naturale e quindi una manifestazione del buon funzionamento, a sua volta espressione di un ordine che dà forma all’intero organismo della pianta. Bellezza e salute nel mondo vegetale sono quindi il risultato di un ordine funzionale originariamente fondato su un disegno intelligente che compie questa funzione. Finché è in grado di mantenere l’ordine, la bellezza e la funzionalità, l’organismo si mantiene in armonia energetica. Poiché il mondo animale e quindi anche quello dei mammiferi come l’uomo dipendono dal regno delle piante, è possibile osservare lo stesso principio funzionale anche nel nostro corpo, come ad esempio nel sistema interno di approvvigionamento dei nutrienti e nella circolazione sanguigna e nel sistema nervoso.


L’essere umano percepisce quest’ordine naturale come bellezza.


Perché? Probabilmente perché nella nostra consapevolezza più profonda riconosciamo di essere parte della natura.
Nella natura ci sentiamo così bene perché quest’ordine, quest’energia dispensatrice di bellezza sentiamo appartenerci come diritto inalienabile di nascita. Siamo parte della natura.
Più l'uomo diventa consapevole delle molteplici funzioni delle piante, dei boschi, della funzione del sole, della luce, nella produzione della clorofilla, della trasformazione dell’anidride carbonica in ossigeno, del bilancio idrico, della creazione di un atmosfera terrestre avvenuta in milioni di anni per milioni di esseri umani, della delicatissima regolazione del clima attraverso il totale riciclo di tutti materiali, più ci renderemo conto della stupefacente intelligenza che caratterizza l’ordine della natura e in questo disegno onnicomprensivo riconosciamo l’energia creatrice di una intelligenza superiore.