La prima è una ricetta vegetariana dai sapori intensi è unici.

Si tratta infatti di un connubio tra il dolce e lo speziato, molto utilizzato nella cucina marocchina e facile da preparare.

Basta solo avere a disposizione un po' di ceci in dispensa e di piselli in freezer.


1-Tajine di zucchine e ceci con quinoa al coriandolo

 

Tempo di preparazione: 60 minuti

Ingredienti 4 persone:

- 250 ml di quinoa

- 750 ml di brodo vegetale

- 50 gr di coriandolo

- 1 cucchiaio d'olio d'oliva

- 2 cipolle

- Cumino e cannella in polvere

- 3 zucchine

- 400 ml di polpa di pomodoro

- Un barattolino di ceci

- 50 gr di uvetta

- 150 gr di piselli

 

Procedimento:

In una casseruola unite la quinoa e due tazze di brodo e cuocete a fuoco medio fino a portare in ebollizione, quindi abbassate il fuoco e continuate la cottura per altri 10 minuti fino a che il brodo non si sarà assorbito.

Aggiungete il coriandolo e mescolate.

Nella tajine scaldate l'olio e fate soffriggere le cipolle per 6-7 minuti finchè non saranno dorate.

Condite con il cumino e il coriandolo e continuate la cottura per alcuni secondi.

Aggiungete le zucchine tagliate a rondelle, la polpa di pomodoro, i ceci, i piselli, l'uvetta e il brodo in quantità tale che copra il resto degli ingredienti.

Portate prima a bollore, poi riducete la fiamma e fate sobbollire per 30 minuti finchè le zucchine non si saranno ammorbidite.

Unite la quinoa e servite caldo.

 

 

 

Restiamo nella terra maghrebina e prepariamo questa seconda pietanza.

Si tratta di un piatto stuzzicante al quale spezie, limone e olive donano un sapore davvero unico e speciale.

Si può consumare da solo o anche unire al cous cous o al riso, per un risultato ancora più intenso!



2-Tajine di pollo speziato alla marocchina

 

Tempo di preparazione: 60 minuti

Ingredienti 4 persone:

- 2 spicchi d'aglio

- 3 cipolle

- 1 kg di pollo tagliato a pezzi

- 4 cucchiai d'olio d'oliva

- 2 limoni

- Prezzemolo e curry

- 1 bicchiere di vino rosso

- Una bustina di zafferano

- Un cucchiaio di zenzero in polvere e di paprika dolce

- Mezzo cucchiaio di cannella e curcuma in polvere.

- Sale e pepe

- 100 gr di olive denocciolate

 

Procedimento:

 

Iniziate affettando la cipolla a julienne e schiacciando l'aglio

Ricavate la scorza e il succo da un limone e affettate l'altro.

Nella tajine versate l'olio e fatevi rosolare le cipolle e l'aglio per un paio di minuti, quindi unite il pollo a pezzi e regolare con sale e pepe.

Fate cuocere a fiamma media per 5 minuti girando i pezzi in modo da avere una rosolatura uniforme e sfumateli con il vino rosso.

Abbassate la fiamma al minimo e aggiungete le varie spezie e il succo di limone, quindi lasciate cuocere con il coperchio per 40 minuti.

Alla fine della cottura unire le olive, il prezzemolo tritato e le fette di limone e continuate a cuocere per 10 minuti.


tajine



Il terzo piatto che vi proponiamo è un mix di sapori: il dolce della zucca e del miele incontra l'acidità della mela cotogna e la delicatezza del vitello.

Il risultato è incredibile e si scioglierà in bocca, provate per credere!


 

3-Tajine di vitello con zucca e mele caramellate

 

Tempo di preparazione: 2 ore

 

Ingredienti 4 persone:

- Una cipolla

- Uno spicchio d'aglio

- Un pezzo di zenzero da 2 cm

- Zafferano

- 8 pezzi di carrè di vitello

- 600 gr di zucca

- 2 mele cotogne

- Un limone

- Rosmarino

- Sale e pepe

- 20 gr di miele

 

Procedimento:

Sbucciate la cipolla e tagliatela a brunoise (piccoli cubetti), mondate l'aglio e dopo avergli tolto l'anima tritatelo.

Proseguite sbucciando lo zenzero e tagliandolo a fettine sottili.

In una casseruola Zisha fate appassire l'aglio e la cipolla bagnando con pochissima acqua e continuate la cottura per 5 minuti.

Unite anche lo zafferano, lo zenzero e i carrè di vitello e fate dorare il tutto per 10 minuti

Nel frattempo occupatevi della caramellizzazione delle mele.

Spremete mezzo limone e mettete il suo succo in una padella.

Aggiungete il miele, le mele private dei semi e tagliate a spicchi non troppo grandi e bagnate con un cucchiaio d'acqua.

Cuocere il tutto per circa 10 minuti girando ogni tanto e aggiungendo un cucchiaio d'acqua ogni qual volte risulti troppo asciutto.

Quando la mela risulterà morbida e caramellata togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.

A questo punto dedicatevi alla preparazione della zucca.

Sbucciatela, privatela dei semi e tagliatela a pezzi.

Versatela nella Tajine insieme al mezzo limone rimasto tagliato a spicchi e al carrè di vitello precedentemente rosolato.

Salate e pepate e aggiungete un rametto di rosmarino e le mele.

Cuocete a fiamma dolce per un'ora e mezza, aggiungendo di tanto in tanto un filo d'acqua.

 

Tajine di vitello, mele e miele

 

 

Passiamo ora in Francia, più precisamente nella provincia della Lorena.

Se in Italia si usa unire le lenticchie al grasso del cotechino come rito propiziatorio che chiude il cenone di San Silvestro, in Francia è consuetudine usare la pancetta.

Cosi è nato questo piatto, che si sposa benissimo anche con la Tajine.

 

4-Tajine di lenticchie della Lorena

 

Tempo di preparazione: 60 minuti

Ingredienti 4 persone:

- 250 gr di lenticchie

- Un cucchiaio d'olio d'oliva

- Una cipolla

- Una carota

- Due spicchi d'aglio

- Un cucchiaio di garam masala

- 5 gr di curry

- 100 gr di riso integrale

- Sale e pepe

- 70 gr di pancetta a cubetti

 

Procedimento:

Scaldate un filo d'olio nella Tajine, aggiungete la cipolla e fatela rosolare per un paio di minuti.

Unitevi in ordine le carote, l'aglio (dopo cinque minuti), il garam masala (dopo due minuti) e il curry (aspettando 30 secondi).

A questo punto potete aggiungere le lenticchie, la pancetta e il riso e dopo alcuni minuti sfumare con il vino bianco.

Portate ad ebollizione, salate e pepate e mettete la Tajine coperta in forno a 190° per un'ora circa.

Una volta conclusa la cottura aggiustate di sale e pepe e servite caldo.








Concludiamo questa prima parte con un classico della cucina milanese: il risotto alla certosina.

Originariamente questa era una preparazione povera, creata presso i conventi dei monaci certosini come riso "di magra" dato che in convento la carne poteva essere mangiata solo di domenica.

Alla base di piselli, pomodoro e Parmigiano, nel corso dei secoli, sono state ideate diverse variazioni come quella che prevede l'utilizzo dei pesci d'acqua dolce (come le rane).

In questa versione ho preferito utilizzare i funghi per realizzare una variante più "family-friendly" dell'originale e risparmiarvi il lavoro abbastanza tedioso di disossare e pulire le rane.

 

5-Risotto alla certosina


Tempo di preparazione: 30 minuti

Ingredienti 4 persone:

- 300 gr di riso Carnaroli

- 60 gr di pomodorini

- 120 gr di funghi

- Alcune foglie di sedano piccole

- 80 gr di parmigiano

- Uno scalogno

- 30 gr di cipolla

- 105 di burro

- Vino bianco

-Sale e pepe

 

Procedimento:

Iniziate preparando un soffritto con lo scalogno e altri 25 gr di burro, aggiungete i piselli e i pomodorini precedentemente sbianchiti in acqua bollente, raffreddati, pelati, tagliati in quattro e privati dei semi e infine ridotti a cubetti) e i funghi.

Fate cuocere a fiamma bassa per 15 minuti ed, a cottura ultimata, salate e pepate.

A parte prepate un soffritto con 25 gr di burro e la cipolla tritata.

Appena dorato unite il riso e fate tostare qualche minuto sfumando poi con un bicchiere di vino bianco.

Cuocete il risotto per 19 minuti aggiungendo mano a mano l'acqua bollente utilizzata in precedenza.

Gli ultimi 5 minuti aggiungete il ragù di funghi in modo da insaporire.

Mantecate con abbondante burro e parmigiano e guarnite con qualche foglia di sedano.


Vuoi di piu? Ecco a te altre 5 gustose ricette!