1)Brodetto all'anconetana

 

Il brodetto all'anconetana fa parte della famiglia delle zuppe e dei brodetti a base di pesce.

In questa preparazione la vera particolarità è l’aggiunta dell’aceto: in origine si trattava di un espediente messo a punto dai pescatori per poter conservare più a lungo la preparazione durante i lunghi periodi in mare e da allora è rimasto nella tradizione.


Tempo di preparazione: 3 ore

Ingredienti 4 persone:


-0.8 kg di pesce misto (es: sgombri, piccoli rombi, scampetti, cefali, cicale, spigolette, merluzzetti, pannocchie, calamari, seppie, sogliole, palombo, gallinella)

- 80 gr di cipolla

- 1 spicchio daglio

- Olio

- Un cucchiaio d'aceto di vino bianco

- 20 gr di prezzemolo

- 400 gr di pomodori

- Sale

 

Procedimento:

 

 

Eviscerate e sfilettate i pesci che avete scelto (potete affidare quest'operazione al pescivendolo ma in quel caso chiedetegli di conservarvi anche gli scarti).

Azionate il vostro sistema di cottura Zisha e fatevi soffriggere in olio la cipolla tagliata molto fine e gli spicchi d'aglio.

Versate all'interno anche le teste e gli scarti (compreso anche il carapace degli scampi o le chele spaccate a metà se avete utilizzato crostacei) e fateli sudare per una ventina di minuti, quindi bagnate con l’aceto e aggiungete il prezzemolo tagliato grossolanamente e i pomodori a tocchetti.

Bagnate con acqua, coprendo il pesce, aggiustate con sale e fate cuocere impostando la temperatura su alta per almeno 120 minuti.

Trascorso questo tempo, salate nuovamente e passate il tutto con il passaverdura, in modo da ottenere un composto brodoso.

Rimettetelo sul sistema di cottura e fate cuocere fino ad avere un brodetto

ridotto a un quarto della quantità iniziale e un po’ spesso.

Quando sarà ridotto aggiungete i filettini di pesce tagliati a pezzetti e continuate la cottura impostando su basso per altri 30 minuti circa.

Qualora lo desiderate, accompagnate il brodetto all’anconetana con del pane.


 

2) Burrida alla sarda

 

La burrida è una zuppa di pesce sarda a base di gattuccio di mare ovvero un piccolo squalo che ha una pelle molto dura da togliere e di cui si usa prevalentemente il fegato per fare una salsa pregiata.


N.B:Per la preparazione di questa ricetta dovete avere un po' di dimestichezza con il coltello, se non vi sentite sicuri affidate questa operazione al vostro pescivendolo di fiducia!

 

Tempo di preparazione: 4 ore

Ingredienti 4 persone:

 

- 320 gr di fregola

- 1 gattuccio di mare

- 8 gherigli di noci

- 30 gr di sedano

- 30 gr di cipolla

- 2 scalogni

- Uno spicchio d'aglio

- Una foglia d'alloro

- La scorza di mezzo limone

- Mezzo bicchiere di vino

- Mezzo cucchiaio d'aceto

- Burro

- Sale e pepe

- Prezzemolo

 

Procedimento:

 

Ricavate dal gattuccio due filetti privi di pelle e di spine.

Una volta fatto ciò, tagliate la polpa a tocchetti e dedicatevi alla preparazione della salsa: in un mortaio (oppure nel mixer ma fate attenzione a non farlo lavorare troppo perché altrimenti otterrete solo una poltiglia slegata) pestate le noci col prezzemolo, l’aglio senza anima e 3-4 cucchiai d’olio, quindi aggiungete anche i fegatini, avendo cura che siano ben puliti, e pestate anch’essi aggiungendo un pizzico di sale, l’aceto e magari ancora un paio di cucchiai di olio.

Tenete da parte.

Mette sul fuoco del brodo fatto con gli scarti del gattuccio, del sedano, cipolla e alloro e fatelo bollire per 2 ore, dopodichè filtrate il tutto e tenetelo da parte.

A questo punto azionate il vostro sistema di cottura impostandolo su basso e fate un soffritto con burro e abbondante scalogno.

Una volta cotto aggiungete la fregola e fatela tostare un paio di minuti, esattamente come fareste se fosse un risotto, poi bagnatela con il vino bianco e aggiungete man mano il brodo di gattuccio.

Unite anche il pesce tagliato a tocchettini, salate e continuate a cuocere per 60 minuti circa.

Se lo gradite, potete anche aggiungere della scorza intera di mezzo limone all'inzio della cottura ma ricordatevi di toglierla a piatto concluso!


 

3)Spezzatino di manzo alla birra e paprika

 

Noto in Ungheria anche come gulasch, lo spezzatino di manzo si presta benissimo ad essere cotto con il sistema di cottura.

La birra e la paprika rendono questa ricetta ancora più morbida e saporita, un vero toccasana per il palato!

 

 

Tempo di preparazione: 2 ore e 30 minuti

Ingredienti 4 persone:

 

- 600 gr di reale di manzo

- 300 gr di cipolle

- 1 lt di birra doppio malto

- 20 gr di paprika in polvere

- Rosmarino

- Alloro

- Uno spicchio d'aglio

- 70-80 gr di burro

- Olio

- Sale e pepe

 

Procedimento:

 

Inserite l’acqua all'interno del sistema automatico, facendo attenzione a non superare la linea di portata massima, quindi portate ad ebollizione.

Una volta raggiunta la temperatura di bollore impostate il programma su basso e dopo aver messo un filo d'olio all'interno della casseruola, soffriggete abbondante cipolla.

Quando sarà ben sudata (20 minuti circa) unite anche la carne tagliata a grossi dadi regolari, il rosmarino, l'aglio e l'alloro.

Continuate la rosolatura per 10 minuti circa, quindi aumentate l'intensità del programma a medio e dopo aver versato mezzo litro di birra continuate la cottura fino a che la birra non sarà ridotta del tutto facendo caramelizzare la carne (60 minuti circa).

Bagnate quindi nuovamente con un altro litro di birra e lasciate cuocere per altri 40 minuti.

Al momento dell'impiattamento spolverate con un velo di paprika.




 4)Ragù alla bolognese

 

Sono passati più di cent'anni da quando il gastronomo Pellegrino Artusi nel suo "La scienza in cucina e l’arte del mangiare bene" condiva i maccheroni con quello che probabilmente era uno dei primissimi ragu alla bolognese della storia.

Ma il fascino di questa ricetta è rimasto immutato tanto è vero che, ancora oggi, questa pietanza è rinomata in tutto il mondo.

 

Tempo di preparazione: 4 ore

Ingredienti 4 persone:

 

 

- 500 gr di carne di maiale tritata

- Olio extravergine d'oliva

- Uno spicchio d'aglio

- Mezzo bicchiere di vino rosso

- 100 gr di burro

- Sale e pepe

- Una cipolla

- Un gambo di sedano

- Una carota

- Rosmarino

- 500 gr di pomodori pelati

 

 

Procedimento:


Accendete il sistema di cottura e riempitelo d'acqua, facendo attenzione a non superare il livello massimo e portatelo ad ebollizione (60 minuti).

Nel frattempo tagliate a dadini piccoli la carota, il sedano e la cipolla e mettetele a rosolare con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio, impostando la potenza su medio.

Passata una mezz'oretta unitevi la carne di maiale tritata e sfumatela con mezzo bicchiere di vino rosso.

Impreziosite con un rametto di rosmarino e continuate a cuocere per qualche minuto, salando e pepando il tutto.

Unite 500 g di pomodori pelati (o di estratto di pomodoro) e lasciate cuocere potenza bassa per circa due ore e mezza.

 

 

5)Budino al limone

 

Tempo di preparazione: 2 ore e 30 minuti

Ingredienti 4 persone:

 

 

- Un limone non trattato

- 500 ml di latte

- 140 gr di zucchero

- 1 baccello di vaniglia

- 5 uova

- 20 gr di zucchero a velo

- 40 gr di fecola

 

 

Procedimento:

 

Lavate il limone con una soluzione di acqua e bicarbonato, strofinando leggermente la buccia con uno spazzolino a setole e grattugiatene la scorza.

Accendete il sistema di cottura e riempitelo d'acqua, facendo attenzione a non superare il livello massimo e portatelo ad ebollizione (60 minuti).

Mettete il latte a scaldare nella casseruola con la scorza di limone e il baccello di vaniglia tagliato per lungo.

Nel frattempo in una terrina sbattete le uova con lo zucchero usando una frusta ed incorporate la fecola prima e il latte a filo poi, sempre continuando ad amalgamare con la frusta.

Versate il composto ottenuto nella casseruola all'interno del sistema di cottura e cuocetelo per 60 minuti circa.

Fate raffreddare e al momento del servizio spolverate con dello zucchero a velo.


Budino al limone